La nostra Tecnologia
  LA NOSTRA TECNOLOGIA - Le prestazioni termiche

REFLECT TO SAVE ENERGY


ISOLANTI RIFLETTENTI: COME FUNZIONANO

Com’è noto, fra due ambienti a diversa temperatura, si stabilisce un passaggio di calore che si trasferisce dall’ambiente più caldo a quello più freddo. Pertanto, per assicurare un ambiente confortevole all’interno di un edificio, è necessario in inverno ridurre le dispersioni di calore verso l’esterno ed in estate ridurre gli apporti di calore verso l’interno.
Lo scopo di un isolante è quello di limitare il flusso di calore fra due ambienti a diversa temperatura, ma è importante accertarsi che l’isolante impiegato sia d’ottima qualità e che venga correttamente installato.

La fisica insegna che il trasferimento di calore attraverso una struttura avviene secondo tre modalità: conduzione, convezione e radiazione (irraggiamento).

 

 

 

 

 

LA CONDUZIONE è il meccanismo di trasmissione che avviene nei solidi e per contatto.

LA CONVEZIONE è il meccanismo di trasferimento del calore che avviene a causa del movimento delle molecole, incrementato dal loro aumento di energia. Esso è tipico dei fluidi e degli aeriformi.

L'IRRAGGIAMENTO è il trasferimento di calore da un corpo caldo ad uno meno caldo attraverso un mezzo trasparente come l'aria o il vuoto. Il calore radiante è invisibile e si trasmette attraverso onde elettromagnetiche.
Quando questa energia colpisce una superficie viene assorbita e ne aumenta la temperatura.

 

 

 

Grafico_trasmissione_calore

 

 

L’irraggiamento o radiazione è la causa principale della dispersione di calore e rappresenta, nel periodo invernale, il 65-80% del calore disperso attraverso le pareti perimetrali e la copertura. In estate, la percentuale di calore trasmesso da una copertura all’abitazione per radiazione, è addirittura pari al 93%.

 

I materiali isolanti riflettenti, riflettono il 97% dell’energia radiante diretta verso di loro; capacità, questa, che non possiede alcun tradizionale isolante di massa.

 

La radiazione esprime la trasmissione di raggi elettromagnetici nello spazio: ogni corpo è soggetto all’azione dei raggi infrarossi da ogni direzione.

 

 

La capacità di assorbire i raggi infrarossi, e quindi assorbire energia, si chiama emissione.

Minore è il valore d’emissione, maggiore è la capacità di riflessione di un materiale.

 

I normali materiali da costruzione hanno un valore d’emissione E pari a 0,82-0,9 e assorbono nel tempo, per irraggiamento, qualsiasi forma d’energia.

 

Un foglio d’alluminio puro ha un valore d’emissione E pari a 0,03-0,05 e quindi respinge, per riflessione, qualsiasi forma d’energia.

  Immagine_2
 

 

Gli isolanti riflettenti Over-all hanno prestazioni non paragonabili a quelle d’isolanti d’altra natura che, peraltro, per esercitare la loro funzione coibente dipendono direttamente dallo spessore.

 
Gli isolanti riflettenti hanno, infatti, uno spessore minimo, con vantaggi di minore ingombro nelle strutture murarie, sono rivestiti da uno o più fogli d’alluminio puro con un valore d’emissione E pari a 0,03 – 0,05 e sono quindi in grado di riflettere l’energia radiante in altissima percentuale.

 

 

In pratica un isolante riflettente Over-all, posto nel mezzo di un’intercapedine d’aria di una parete o di una copertura, determina un aumento della resistenza termica di circa l’800%.

 

Guarda video di posa in opera in controparete

  Casetta
 

 

Di seguito una tabella comparativa delle prestazioni termiche rilevate in opera dell’isolante riflettente Over-foil 311 da 9 mm di spessore, posato in intercapedine d’aria, rispetto ad alcuni materiali isolanti tradizionali:

 

Maggiore è il valore di Resistenza termica, migliore è il potere isolante. Infatti la trasmittanza termica non è altro che l’inverso della Resistenza termica.

 

Tabella comparazione termica

 

 

Il solo valore di resistenza termica, pur essendo ottimo, non permette di quantificare il reale risparmio energetico e comfort che deriva dall’utilizzo degli isolanti riflettenti.

 
Con questo tipo di isolanti si può migliorare il confort all’interno degli ambienti e ottenere importanti risparmi energetici pur senza cambiare il valore di trasmittanza termica (U) delle strutture.

Studi condotti negli Stati Uniti hanno dimostrato che, inserendo un materiale riflettente SOLO nella copertura di un’abitazione, si può ottenere un risparmio energetico annuo in riscaldamento e condizionamento pari al  17 %.

   

Le applicazioni di questa forma d’isolamento in altri settori ne evidenziano il funzionamento e l’efficacia, ecco alcuni esempi: le coperte che si usano per rivestire i corpi dei feriti negli incidenti notturni sono a tutti gli effetti un rivestimento bassoemissivo che impedisce alla calotta celeste di sottrarre gran parte dell’energia termica della sorgente (uomo) per irraggiamento.
Applicazione – edile: nella procedura della Regione
Lombardia è stata introdotta la dispersione per irraggiamento nei confronti della calotta celeste.
Il funzionamento dei thermos per i liquidi caldi (o freddi) è basato sull’eliminazione del meccanismo di trasmissione del calore per convezione (nell’intercapedine c’è il vuoto) e sulla riduzione del meccanismo di trasmissione del calore per irraggiamento grazie alle superfici bassoemissive dell'intercapedine.
Le pellicole in alluminio che si impiegano nella cottura e nel mantenimento del cibo caldo, limitano il raffreddamento del cibo e dell’aria all’interno di esso rallentando il meccanismo di trasmissione del calore per irraggiamento con l’ambiente circostante.

  Thermos    Thermos
Coperta   Pallet   Cibo